Giochi di liberetà

CONDIVIDI

Un appuntamento fisso, un grande evento, l’occasione per un piacevole soggiorno, l’entusiasmo della partecipazione alle gare, la voglia di stare insieme, la possibilità di esprimere le proprie passioni, il divertimento del ballo liscio, la scoperta di nuove località, il desiderio di festa… Questo e molto altro sono i Giochi di Liberetà.
Nati nel 1995 per dare una risposta al desiderio di socialità espresso da molti pensionati, si sono trasformati col tempo in una grande manifestazione che comprende da un lato lo svolgimento delle finali regionali di alcune gare (ballo, bocce, briscola, tennis, pesca) e alcuni concorsi (fotografia, pittura, racconti, poesie) che sono nella maggior parte dei casi il frutto delle selezioni provinciali, e dall’altro lato il piacere di un vero e proprio soggiorno turistico in bellissime località della nostra regione.
Il programma dei Giochi si è continuamente arricchito offrendo eventi di intrattenimento, divertimento e cultura. Nelle diverse edizioni si sono tenuti grandi concerti (da Nicola Arigliano a Bobby Solo, da Nilla Pizzi a Roberto Vecchioni), momenti di riflessione e dibattito sui temi cari allo Spi, escursioni alla scoperta dei luoghi e delle tradizioni delle località che hanno ospitato la manifestazione, serate all’insegna del ballo liscio con bellissime orchestre, appuntamenti di nicchia come raffinati concerti jazz o preziose chicche teatrali, per non parlare dei momenti collettivi dell’inaugurazione e delle premiazioni.
..Siamo pronti per l’edizione 2016 dei Giochi in arrivo!

BREVE STORIA DEI GIOCHI

Li chiamavano ‘Giochi d’Argento’: era il 1995 e per la prima volta si cercava di tradurre in realtà il grande bisogno di socialità manifestato dagli anziani. Cosa si voleva fare? Da un lato rendere possibile l’espressione di talenti e passioni che non si erano potuti coltivare negli anni dell’attività lavorativa; dall’altro dare una risposta al bisogno di stare insieme, di conoscere delle persone con cui si avesse qualcosa da condividere. Il modello erano stati i tornei di bocce organizzati a livello nazionale da Liberetà; l’idea fu quella di organizzare gare di livello comprensoriale a cui sarebbe seguita la fase regionale con Pittura, Poesia, Bocce, Fotografia, Ballo, Briscola quali discipline. Nel 1999 i Giochi d’Argento diventano ‘Giochi di Liberetà’: i primi due anni  i Giochi si svolgono a Salice Terme (1995-1996), seguiti da Boario Terme (1997-1999) e dalla splendida cornice di Bormio (2001-2005), nel 2006 a Ponte di Legno . Cambio di nome, cambio dei luoghi, innovazione nelle discipline. Accanto alle Poesie arrivano i Racconti. Tra le gare compaiono prima il Tennis, poi la Pesca.. Con la creazione dell’Area benessere anche i Giochi di Liberetà hanno un nuovo slancio: se ne rende capillare la diffusione sul territorio: si raggiungono tutti i comuni e le finali regionali, pur conservando la centralità delle gare, delle mostre, dei tornei, diventano una festa collettiva e un’ occasione ulteriore di aggregazione! Dal 2006 ad oggi…

PROGRAMMA GIOCHI DI LIBERETA' 2016

In allegato pubblichiamo il programma della 22° edizione dei giochi di LiberEtà, Cattolica 12-16 Settembre 2016.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.