Basta polemiche contro la CGIL, basta botte ai lavoratori. Dichiarazione di Elena Lattuada Segretario generale CGIL Lombardia

Elena Lattuada, Segretario generale della CGIL Lombardia ha così ribattuto agli attacchi portati alla Cgil da parte di una esponente del Pd, commentando anche il gravissimo episodio di violenza contro i lavoratori dell’acciaieria di Terni:
“Pensare di ridurre la manifestazione del 25 ottobre ad una polemica sui costi dei pullman o, peggio ancora, su tesseramento falso dimostra che la forza di migliaia di lavoratori e lavoratrici, giovani e pensionati in piazza con la CGIL fa davvero paura.
Si possono non condividere le proposte della CGIL così come l’intervista del suo Segretario generale di oggi, ma certo non si può denigrare il ruolo e la forza di una organizzazione sindacale, usando temi e toni che rievocano fasi politiche che non appartengono a nessuna forza di sinistra o di centro-sinistra.
La CGIL e le sue strutture sul territorio sono impegnate quotidianamente a difendere le condizioni di vita e di lavoro di milioni di persone: anche questa mattina la CGIL era a fianco dei lavoratori dell’AST di Terni, che difendono il loro posto di lavoro e la loro dignità, e che hanno ricevuto, da questo Governo, una risposta inaccettabile con un attacco violento e immotivato da parte delle forze di polizia.
Consigliamo alla compagna Picierno – conclude Elena Lattuada – di guardare alla condizione delle persone e di provare, con la sua azione parlamentare europea, a difendere i posti di lavoro nel nostro Paese a partire dai siderurgici, anziché denigrare la CGIL e offendere tutti coloro che hanno riempito piazza San Giovanni a Roma”.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!