Da oggi a fine giugno si raccolgono le firme “INSIEME PER IL DIRITTO ALLA CASA”

E’ partita oggi la campagna di raccolta firme sulla petizione popolare “Insieme per il diritto alla casa” voluta da CGIL Lombardia, insieme a SPI, FP, FILLEA e sindacato degli inquilini SUNIA della Lombardia, che hanno elaborato, nell’ambito delle iniziative nazionali della CGIL, un documento contenente proposte e progetti in merito all’emergenza casa, quale diritto sociale di cittadinanza anche in Lombardia.
La pesante crisi che sta colpendo vasti settori popolari, incide fortemente sul bisogno abitativo, soprattutto sulle fasce più deboli della popolazione, a partire dai pensionati, dai disoccupati, dalle famiglie numerose e monoreddito. In Lombardia l’aumento degli affitti, degli sfratti, dei pignoramenti e delle domande inevase di alloggi di edilizia residenziale pubblica, segnalano la gravità della situazione.
La campagna di raccolta firme iniziata oggi in tutti i territori con presentazioni, conferenze stampa e iniziative diffuse, durerà sino alla fine di giugno per ottenere una riforma delle ALER che garantisca efficienza e riduzione dei costi di gestione; la valorizzazione del patrimonio pubblico abitativo che accresca il valore sociale e di bene comune costituito dagli alloggi ERP; la revisione dei canoni di locazione secondo il criterio della progressività e dell’equità, per rendere sostenibile la gestione; il riesame di tutta la fiscalità sulla casa per ricondurla ad una condizione di sostenibilità; l’istituzione di un Fondo a valere sul bilancio regionale, da destinare prevalentemente al rilancio dell’Edilizia popolare.

 

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!