Dichiarazione di Claudio Dossi segreteria Spi Cgil Lombardia: Chiediamo la costituzione del fondo per la non autosufficienza

Con la delibera 3850 del 25 luglio 2012, la Regione Lombardia ha destinato al Fondo Sociale 70 milioni di euro. Dei 70 milioni, 40 sono stati destinati all’area anziani, minori e integrazioni lavorativa per le fasce svantaggiate, queste risorse vengono assegnate agli ambiti territoriali di associazioni dei Comuni. Sempre dei 70, 30 milioni di euro sono destinati ai disabili, con utilizzo dei voucher. La stessa delibera regionale ha stanziato altri 24 milioni di euro a favore dei minori (18 milioni), e per gli affidi (6 milioni di euro).

Da parte nostra  riteniamo che  il provvedimento, pur non essendo secondario, non recupera le risorse tagliate alle politiche sociali, per noi rimane prioritario il ripristino del fondo per la non autosufficienza, che è stato azzerato, lasciando gli anziani e le loro famiglie soli nell’affrontare questa fase della loro esistenza. Per queste ragioni chiediamo alla Regione Lombardia di adoperarsi perché venga costituito il fondo regionale per la non autosufficienza, non importa la quantità delle riserse riservate almedesimo, serve un segnale verso questa esigenza, che non può essere più elusa.

Nelle prossime settimane si aprirà una discussione sulla destinazione di queste risorse ,  da parte nostra riteniamo che il luogo appropriato siano i piani di zona, noi siamo pronti al confronto con le conferenze dei sindaci e con le Asl.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!