Direttivo 18 settembre: Stefano Landini presenta l’iniziativa.

“Abbiamo voluto cogliere l’occasione per fare una discussione aperta, senza retorica, sulla Cgil, la sua organizzazione, sulla politica e abbiamo voluto farlo col contributo di alcuni suoi autorevoli dirigenti”, così Stefano Landini segretario generale Spi Lombardia sintetizza il significato del convegno Come sta e dove va la Cgil – Idee, proposte e appunti cambiare il paese da protagonisti che si terrà a Cattolica il 18 settembre all’interno dei Giochi di Liberetà.
A discuterne ci saranno i segretari generali della Cgil Lombardia, Elena Lattuada, della Fiom, Maurizio Landini, della Flai, Stefania Crogi, della Cgil Emilia Romagna e dello Spi, Vincenzo Colla e Bruno Pizzica, della Puglia, Giovanni Forte, della Camera del Lavoro di Genova, Ivano Bosco, un giovane sindacalista della Cgil di Bergamo, Marco Toscano mentre a Carla Cantone, segretario generale Spi, è affidato il compito di tirare le fila di quanto verrà detto.
“Da anni all’interno dei Giochi riserviamo uno spazio per una iniziativa politica legata ai problemi più attuali – spiega Valerio Zanolla, segretario organizzativo dello Spi lombardo – e quest’anno vogliamo parlare della Cgil, analizzare le ragioni del suo scarso radicamento sul territorio e nei nuovi luoghi di lavoro, fra le diverse professionalità emergenti, fra i giovani. È ora, anche per la Cgil, di sperimentare formule nuove”.
“Dobbiamo discutere di come è messa la nostra organizzazione oggi, di come si siano prese decisioni che non si sono mai realizzate – puntualizza Stefano Landini – Se lo Spi è radicato sul territorio non altrettanto lo sono la confederazione e le categorie, ma è un problema non più rinviabile così come pensare a nuove modalità per esserci più significativamente nel mondo del lavoro e fra i giovani. Abbiamo voluto questa discussione con dirigenti di categorie e territori significativi per elaborare e delineare il profilo di una nuova Cgil e portare così idee e un contributo alla prossima conferenza d’organizzazione”.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!