Firmato l’accordo sulla riforma del servizio sociosanitario tra la Regione e le organizzazioni sindacali

È stato firmato oggi, venerdì 26 settembre, dal Presidente della Regione Lombardia e dai segretari generali di Cgil Cisl Uil, Fp Cgil Fp Cisl Uil Fpl, Spi Cgil Fnp Cisl Uilp Uil, l’accordo sulla riforma del Servizio sociosanitario lombardo.L’accordo risponde all’esigenza di adeguare il sistema di welfare lombardo alle mutate esigenze demografiche ed epidemiologiche. Per questa ragione il sindacato ha avviato con la Regione un confronto proprio per rispondere tempestivamente ed efficacemente ai mutamenti dei bisogni sociosanitari della nostra regione. Un’intesa estremamente importante perché – con essa – vi è il riconoscimento della maggiore rappresentatività delle organizzazioni sindacali firmatarie e viene valorizzato il loro ruolo quali rappresentanti di interessi generali, indispensabili per la riforma del sistema sociosanitario.
L’intesa contiene una serie di obiettivi tra i quali:
·         la ridefinizione del ruolo della Regione e delle Asl nella tutela della salute, attraverso la programmazione partecipata, l’universalità e l’appropriatezza nell’erogazione dei Lea;
·         il rilancio delle politiche di prevenzione negli stili di vita e negli ambienti di lavoro;
·         il riequilibrio del sistema dall’ospedale al territorio, attraverso il potenziamento di quest’ultimo, con una particolare attenzione all’integrazione dei servizi sanitari, sociosanitari e sociali, prevedendo la presa in carico dei bisogni dei cittadini;
·         il rapporto pubblico-privato non più fondato sulla competizione, ma su una logica di collaborazione/integrazione;
·         l’attenzione alle problematiche del personale e la valorizzazione della logica del confronto preventivo sulle eventuali ricadute che su di esso avrà il processo di riordino.
Inoltre l’accordo affronta il tema della compartecipazione degli utenti al costo dei servizi, prevedendo:
·         la riduzione delle rette a carico degli utenti per i ricoveri in strutture residenziali(RSA e RSD), attraverso l’incremento della quota sanitaria a carico del Servizio Sanitario Regionale.
·         In attesa della realizzazione dell’obiettivo dell’abolizione dei ticket sanitari, la riduzione dei “superticket” sulle prestazioni specialistiche ed il ripristino delle modalità di esenzione in vigore fino al 2011 per cassintegrati, disoccupati e lavoratori in mobilità.
Questi sono alcuni tra i principali punti dell’intesa che recepisce gli aspetti fondamentali della proposta sindacale riguardante il sistema di welfare della nostra regione, contenuti nel documento unitario, presentato nel luglio scorso.
Si tratta di obiettivi che dovranno trovare un’adeguata declinazione e attuazione nella fase di revisione normativa che riguarderà il sistema di welfare regionale: per questa ragione il confronto tra Regione Lombardia e Cgil Cisl Uil proseguirà nelle prossime settimane.

 
Milano 26 settembre 2014

Comunicato congiunto Cgil-Spi-FP Lombardia.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!