Inca informa:Convenzione Inps e Ministero della Salute

Sarà il Ministero della Salute a fornire all’Inps le informazioni sullo stato di ricovero di coloro che percepiscono le indennità di accompagnamento e di frequenza, nonché dell’assegno sociale, anche quello sostitutivo di invalidità civile. Lo prevede una convenzione adottata dall’Istituto di previdenza insieme al Ministero della salute,  allo scopo di operare la verifica del diritto delle prestazioni nei confronti dei soggetti che non presentano la prevista dichiarazione di responsabilità e il controllo di veridicità delle dichiarazioni o certificazioni presentate.

Nel comunicato stampa pubblicato sul sito istituzionale l’8 marzo, l’Inps ricorda che il ricovero in strutture con oneri a carico del Servizio Sanitario Nazionale (di durata superiore a 29 giorni), implica la sospensione o la riduzione di alcune prestazioni erogate dall’Istituto.

Secondo l’Inps, i dati acquisiti dal Ministero permetteranno di ridurre gli adempimenti per i cittadini, in quanto le informazioni relative a ricoveri gratuiti – che attualmente sono trasmesse dagli utenti all’INPS tramite la presentazione del Modello Invalidità Civile Ricovero (ICRIC) – saranno inviate direttamente dal Ministero della Salute all’Istituto.  La semplificazione consentita dal protocollo, inoltre, faciliterà l’Istituto nel contrasto agli abusi.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.