INCA INFORMA:NASpI e Dis coll. Le precisazioni di Inps

Con il Messaggio n. 4808/2017 l’INPS ha chiarito che le domande di NASpI presentate erroneamente al posto delle domande di DIS-COLL possono essere trasformate in una richiesta di quest’ultima prestazione anche per gli eventi di disoccupazione verificatisi a partire dal 1° gennaio 2017.

In caso di errore nella presentazione delle domanda di ammortizzatore sociale è possibile procedere con la trasformazione (da DIS-COLL a NASpI o da NASpI a DIS-COLL) anche per gli eventi di disoccupazione verificatisi nell’anno 2017, come già era accaduto per gli eventi occorsi nel 2016, anche a valere sulle risorse residue stanziate dall’articolo 1, comma 310, della legge n. 208 del 2015.

Si tratta dell’effetto delle recenti novità normative introdotte in materia prima dall’articolo 3, comma 3 octies, della Legge n. 19/2017, n. 19, che ha ulteriormente prorogato la sperimentazione relativa al riconoscimento dell’indennità DIS–COLL agli eventi di disoccupazione verificatisi a far data dal 1° gennaio 2017 al 30 giugno 2017, poi dall’articolo 7 della Legge n.81/2017 che ha modificato ed integrato l’art. 15 del D.Lgs n. 22/2015, prevedendo la stabilizzazione e l’estensione dell’indennità di disoccupazione DIS-COLL (a decorrere dal 1° luglio 2017 l’indennità viene riconosciuta ai collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto già destinatari della prestazione, nonché agli assegnisti e ai dottorandi di ricerca con borsa di studio in relazione agli eventi di disoccupazione verificatisi a partire dalla predetta data del 1° luglio 2017).

Importante precisare però che l’eventuale richiesta di trasformazione della domanda di NASpI in DIS-COLL da parte di assegnisti e dottorandi di ricerca con borsa di studio, questa è possibile esclusivamente per le cessazioni verificatisi a partire dal 1° luglio 2017. Per tutti la trasformazione e la conseguente acquisizione di una nuova e corretta domanda da parte delle strutture territoriali dell’INPS avverrà esclusivamente su istanza degli interessati, corredata dalla relativa e opportuna documentazione. Le nuove domande saranno acquisite con la medesima data di presentazione di quelle erroneamente inoltrate.

Analogamente a quanto precisato in precedenza dallo stesso Istituto, come Messaggio n. 2884/2017, dovrebbe essere possibile anche una eventuale trasformazione di domanda di DIS-COLL in NASpI.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.