Inca informa:Pensione integrativa in Legge di Bilancio

Nel 2018, FondInps verrà soppresso e le posizioni assicurative saranno trasferite ad altro fondo negoziale.  Lo prevedono i commi 173, 174, 175 e 176 della legge di Bilancio 2018. In particolare,   si tratta della cancellazione del Fondo pensionistico complementare residuale, istituito con il decreto legislativo 252 del 2005, rivolto a quei lavoratori  dipendenti del settore privato che, entro 6 mesi dalla data di prima assunzione, non esprimono alcuna preferenza sulla destinazione del loro Tfr (la cosiddetta adesione tacita) e che non hanno un fondo negoziale di riferimento.

Tuttavia, per rendere effettivamente operativa la disposizione bisognerà attendere il varo di un decreto ministeriale che indicherà la data di decorrenza della soppressione, la forma pensionistica negoziale verso cui far confluire le quote del Tfr dei lavoratori silenti e senza un fondo negoziale di riferimento. Fondo che sarà individuato consultando le organizzazioni dei datori di lavoro e dei sindacati più rappresentativi sul piano nazionale dei diversi comparti del settore privato.  A tale fondo confluiranno anche  le posizioni assicurative già esistenti nel FondInps, con modalità stabilite nel decreto e secondo le indicazioni della Covip. 

Al 31 dicembre 2016, risultano iscritti 37.313 lavoratori dipendenti del settore privato, riferibili a 3.341 aziende.    

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.