La commissione bilancio della Camera riduce il taglio al fondo patronati.

Con un emendamento licenziato dalla Commissione Bilancio della Camera viene ridotto il taglio al Fondo patronati da 150 a 75 milioni  e stabiliti nuovi parametri rispetto alla presenza sul territorio e alla qualità dei servizi offerti.
Sul dimezzamento dei tagli, già ventilato nei giorni scorsi, i patronati del Cepa (Acli, Inas, Inca e Ital) avevano espresso perplessità poiché il taglio “non è sufficiente a scongiurare il rischio di mettere in ginocchio la tutela gratuita assicurata dai patronati; tanto meno è coerente con l’impegno che il Presidente del Consiglio aveva assunto pubblicamente, confermato anche dal Ministro Poletti, che sarebbero state trovate le risorse per salvaguardare l’esistenza di un servizio di pubblica utilità indispensabile per tutti i cittadini”. 
”75 milioni di euro – secondo i patronati del Cepa – continuano ad essere una cifra enorme, insopportabile per una rete che ogni anno assicura a milioni e milioni di persone la gratuità dei servizi di tutela e assistenza in ambiti che vanno dalla previdenza alle prestazioni socio-assistenziali”.
In un precedente comunicato, i quattro patronati avevano altresì auspicato che il già annunciato dimezzamento del taglio “.. possa essere solo un indizio positivo della disponibilità del Governo a rivedere l’orientamento espresso nella legge di stabilità, un primo passo verso la cancellazione dei tagli”.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!