Mod. 730 e rimborsi IRPEF celeri per ex dipendenti, Co.co.pro., colf e frontalieri

Anche grazie all’impegno dei CAAF che da tempo propongono e sostengono iniziative legislative volte a tutelare particolari situazioni di disagio nei rapporti con il fisco, nella trasformazione in legge del D.L. 69/2013 – cosiddetto “Decreto del Fare” – si permette la presentazione del modello 730 in luogo del modello UNICO agli ex dipendenti, collaboratori a progetto, colf, badanti e frontalieri, quindi a tutti coloro che non hanno o non hanno più un sostituto d’imposta.
Ciò consente al contribuente eventualmente a credito, a differenza del modello UNICO, di ottenere il rimborso IRPEF sul proprio conto corrente con una procedura accelerata direttamente dall’Agenzia delle entrate, nell’arco di qualche mese, anzichè di qualche anno. La disposizione normativa entrerà in vigore nel 2014, parificando questi contribuenti agli attuali dipendenti e pensionati, ma già per il 2013 è stata prevista la possibilità di presentare il modello 730/2013 nel caso in cui esso evidenzi un risultato contabile a credito.A tal fine è necessario che i soggetti interessati, anche se hanno già presentato il modello UNICO, si rivolgano ai nostri CAAF dal 2 al 30 settembre 2013 per la predisposizione di questo nuovo modello dichiarativo definito “730 Situazioni particolari” e per l’assistenza sulle procedure che devono essere attivate per ottenere un celere rimborso.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!