Nel 2013 è rischio caos badanti. Nuove norme spingono al nero

“Nel 2013 rischia di scoppiare il caos badanti. Secondo le nuove norme introdotte con la riforma del lavoro infatti gli anziani saranno considerati alla stregua di veri e propri imprenditori e in caso di licenziamento della persona che si prende cura di loro saranno costretti a pagare fino a 1.400 euro in tre anni, ovvero 473 euro all’anno”. Lo denuncia lo Spi-Cgil.

“Tale cifra – continua il Sindacato dei pensionati della Cgil – però non andrà direttamente nelle tasche dei lavoratori licenziati ma finirà nelle casse dell’Inps per alimentare l’Aspi. L’importo dovuto non tiene inoltre conto delle diverse tipologie di lavoro e resta del tutto invariato sia che la badante licenziata abbia lavorato per poche ore alla settimana sia che abbia lavorato per otto ore al giorno”.

“In questo modo – conclude lo Spi-Cgil – non solo si penalizzano ulteriormente gli anziani non autosufficienti e le loro famiglie con un pesante aggravio di costi e di burocrazia ma si finisce soprattutto per alimentare il lavoro nero, che nel badantato è già una vera e propria piaga toccando la quota dell’80% con oltre 2mln di lavoratori non in regola.
La politica non si può permettere di contrapporre anziani e lavoratori ed è per questo che deve intervenire per correggere una norma che rischia di fare davvero molti guai”.

 

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!