Pensioni in Quota100: Cgil, risparmi per 7mld

“Una misura quella di Quota 100 che coinvolgerà una platea molto più ristretta rispetto a quella prevista, con un ingente risparmio di risorse per il prossimo triennio, così come noi avevamo già stimato ad aprile. Le nostre previsioni, considerate da Governo e Inps infondate, sono quindi corrette”. Così la Cgil nazionale in merito alle dichiarazioni e ai dati che circolano in queste ore sulle recenti misure previdenziali.

“Le domande di Quota 100, presentate sino ad oggi, sono circa 145mila, di queste – spiega Ezio Cigna, responsabile previdenza pubblica della Cgil nazionale – non tutte saranno accolte e altre avranno decorrenza nel prossimo anno. Cifre che rendono ancora più attendibile la nostra previsione: Quota 100 è una misura che coinvolgerà un terzo della platea prevista nel triennio, ossia 325 mila persone anziché 970 mila, determinando un avanzo importante di risorse”. “Nel prossimo triennio – sottolinea Cigna – non verranno utilizzati 7 miliardi e 200 milioni, dei 21 miliardi stanziati in legge di Bilancio, nel dettaglio: 1,6 miliardi nel 2019, 2,9 mld nel 2020, 2,6mld nel 2021”.

“Le nostre previsioni erano state considerate da Governo e Inps inattendibili e ora, forse perché incalzati dall’Unione Europea, sembra che tutti ci diano ragione” afferma Roberto Ghiselli, segretario confederale della Cgil. “Le risorse impegnate per Quota 100 – aggiunge – saranno utilizzate solo in parte. Vi sono quindi le condizioni per intervenire con altre misure che permettano di superare la legge Fornero, garantendo una flessibilità in uscita per tutti dopo i 62 anni e prevedendo interventi a favore delle donne, dei lavoratori discontinui e precoci, dei lavoratori gravosi o usuranti e l’introduzione di una pensione contributiva di garanzia per i giovani, tutte proposte – conclude Ghiselli – contenute nella Piattaforma che il sindacato unitariamente ha presentato al Governo”.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.