Regione Lombardia ancora impreparata: i pensionati chiedono un piano vaccinale

“Continuiamo ad assistere ad un preoccupante scambio di dichiarazioni contraddittorie tra Regione Lombardia e altri soggetti direttamente coinvolti nella campagna vaccinale riguardo la reale capacità di garantire una copertura efficace e nei tempi adeguati della popolazione anziana e fragile a causa del ritardo nell’avvio delle vaccinazioni e della scarsità del numero dei vaccini”.

Le segreterie regionali dei sindacati dei pensionati di CGIL CISL UIL hanno scritto a Giulio Gallera, Assessore al Welfare della Regione Lombardia, e al Direttore Generale del dipartimento, Marco Trivelli, per sottolineare l’ennesima emergenza che si ripercuote sulla popolazione anziana, oltre 3milioni di persone, e su quella più fragile, della Regione: l’assenza, o almeno l’insufficienza di dotazione, dei vaccini anti-influenzali. Oggi sono il prodotto più ricercato, data anche la ripresa dei contagi da Covid, e quello più difficile da reperire. Addirittura, medici di famiglia e farmacisti non hanno notizie certe su quando arriveranno, se mai arriveranno. E i Comuni, che dovrebbero essere chiamati a mettere a disposizione spazi adeguati, non hanno ricevuto ancora nessuna informazione.  La Regione Lombardia ha già varato dieci gare per la fornitura delle dosi necessarie. La prossima dovrebbe portare altre 500mila dosi. In teoria, secondo i calcoli della Regione, ne mancherebbero ancora un milione di dosi (ma i docenti e operatori della scuola sono già inclusi?).

“Sottolineiamo  ancora una volta – scrivono Federica Trapletti, Emilio Didoné e Serena Bontempelli, per le segreteria di SPI CGIL, FNP CISL e UILP UIL Lombardia -, dopo le richieste già avanzatevi nel corso degli ultimi incontri, la necessità di ricevere indicazioni precise in merito al Piano Vaccinale 2020-2021, che purtroppo ad oggi non abbiamo ancora ricevuto, in modo da dare risposta alle continue sollecitazioni e preoccupazioni che ci giungono dai territori.

Eppure – insistono i sindacalisti – la Circolare del Ministero della Salute sulle vaccinazioni per l’influenza 2020-2021 prevedeva per questo autunno-inverno, già a partire da ottobre, un allargamento della platea di persone a cui è raccomandato il vaccino antinfluenzale: i bambini da 0 a 6 anni, gli adulti a partire da 60 anni (prima era per gli over-65), gli operatori sanitari e gli anziani ospitati nelle residenze sanitarie assistenziali (RSA). Perché Regione Lombardia si è fatta trovare impreparata? Chiediamo un incontro specifico sul tema in tempi rapidi”.

 

Altre News:

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.