Bergamo: inaugurata nuova sede a Dalmine

CONDIVIDI

Nuova sede, più centrale rispetto a quella vecchia, più accogliente per lavoratori e pensionati che richiedono il sostegno, la tutela e la consulenza della CGIL: a Dalmine sono aperti i nuovi uffici in viale Locatelli 3/5 (tel. 035.3594510), uno dei 47 presidi CGIL presenti sul territorio bergamasco.
All’inaugurazione erano presenti Gianna Fracassi, vicesegretaria generale della CGIL nazionale, ed Elena Lattuada, segretaria generale della CGIL della Lombardia. Dopo il saluto del segretario generale provinciale Gianni Peracchi e dell’organizzativo Giuseppe Mascioli, è intervenuta anche il sindaco di Dalmine Lorella Alessio. Era presente anche il senatore Antonio Misiani.

red Nuovi sono i locali, ma già più che collaudati sono i servizi che si possono trovare alla CGIL di Dalmine: l’assistenza fiscale del CAAF (su appuntamento), la consulenza della FILCAMS-CGIL (commercio e servizi, lunedì 14.30-18.00, giovedì 9.00-12.30, ogni quarto sabato del mese 9.00-12.00), della FIOM-CGIL (metalmeccanici, da lunedì a venerdì 8.30-12.30 e 14.30-18.30, sabato su appuntamento), l’assistenza del Patronato INCA (lunedì, martedì e giovedì 8.30-12.00, mercoledì 14.00-18.00, primo e terzo sabato 8.30-11.30) e tutto il sostegno del sindacato pensionati SPI-CGIL (da lunedì a venerdì 8.30-12.00 e 14.00-18.00. Sabato 8.30-12.00). E, ancora, a Dalmine è possibile incontrare i funzionari dell’Ufficio Migranti (martedì 14.30-18.00), dell’Ufficio Vertenze (assistenza sindacale legale, giovedì 8.30-12.00) ed, infine, dello sportello SUNIA/APU (associazione inquilini e proprietari utenti, lunedì 14.30-17.30 su appuntamento).

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.