Brescia:A luglio la quattordicesima

CONDIVIDI

Per molti pensionati è in arrivo la quattordicesima.

COS’E’ LA QUATTORDICESIMA

Si tratta della “somma aggiuntiva” istituita nel 2007  dal governo Prodi, a seguito delle rivendicazioni dei sindacati pensionati di Cgil, Cisl e Uil che viene erogata, generalmente, nel mese di luglio.
Nel 2016 i sindacati, al tavolo con il governo di centro sinistra, sono riusciti ad ottenere un innalzamento degli importi della quattordicesima, oltre che un allargamento della platea degli aventi diritto.
Si è trattato di un intervento per sostenere le pensioni più basse, che tiene conto anche di requisiti contributivi. Coloro che già la percepivano, a partire dal 2017, hanno visto un aumento del 30% della somma e, per la prima volta, è stata ricevuta anche da pensionati fino ad allora esclusi.

CHI NE HA DIRITTO E A QUANTO AMMONTA

Attualmente la quattordicesima spetta, al compimento del 64° anno d’età, ai titolari di pensioni che nascano da una posizione assicurativa previdenziale (come ad esempio: vecchiaia, anzianità, superstiti) non superiore a due volte il trattamento minimo.
La somma percepita varia a seconda dei redditi e degli anni di contribuzione (vengono individuati limiti diversi per gli ex dipendenti e per gli ex autonomi).
I pensionati con un trattamento fino a 10.003, 70 euro all’anno riceveranno:
– 437 euro se hanno fino a 15 anni di contribuzione (18 per gli autonomi)
– 546 euro se hanno oltre i 15 e fino ai 25 anni di contribuzione (oltre 18 e fino a 28 per gli autonomi)
– 655 euro se hanno oltre 25 anni di contribuzione (28 per gli autonomi).
Per quanto riguarda invece i ritirati dal lavoro con una pensione che va dai 10.003,69 euro ai 13.338,26 euro gli importi sono i seguenti:
– 336 euro se hanno fino a 15 anni di contribuzione (18 per gli autonomi)
– 420 euro se hanno oltre i 15 e fino ai 25 anni di contribuzione (oltre 18 e fino a 28 per gli autonomi)
– 504 euro per chi ha più di 25 anni di contribuzione (28 per gli autonomi).
La somma, in presenza di ulteriori individuati limiti di reddito, può essere erogata anche in misura parziale. Per avere informazioni precise relative alla propria condizione è necessario rivolgersi alle sedi sindacali.

COME OTTENERLA

La quattordicesima viene, di norma, riconosciuta d’ufficio e non è quindi necessario fare domanda. I pensionati che ritengono di possedere i requisiti e, nel corso dell’estate, non ricevono la somma possono rivolgersi al patronato INCA.
Spi, Fnp e Uilp ritengono che la quattordicesima vada ulteriormente estesa: si tratta di una misura equa che aiuta i redditi più bassi tenendo conto, allo stesso tempo, della storia contributiva di ciascuno.
Una richiesta che è stata sottolineata anche nel corso della manifestazione nazionale dello scorso 1° giugno, ribadendo che gli interventi sulle pensioni, per essere efficaci, vanno concordati con i sindacati che  ben conoscono la situazione e i problemi concreti del nostro paese.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.