Brescia:Firmata l’intesa per contrastare il gioco d’azzardo patologico

CONDIVIDI

Martedì è stato sottoscritto, tra le organizzazioni sindacali dei pensionati di Brescia Spi, Fnp, Uilp e l’Ats un accordo sul tema del contrasto al disturbo da gioco d’azzardo.
Un tema di grande delicatezza: il gioco d’azzardo patologico genera una vera e propria dipendenza, provocando, nelle persone che vi cadono, danni enormi, profonde sofferenze e pesanti alterazioni degli equilibri familiari.
L’Osservatorio Territoriale sulle Dipendenze dell’Ats di Brescia nel 2017 ha registrato un aumento significativo di utenza a carico dei servizi di cura per il problema in questione.
Ne sono coinvolti anche gli anziani: una fascia di popolazione sempre più numerosa, spesso in condizione di fragilità e bisognosa di particolare attenzione.
I sindacati pensionati, presenti in tutto il territorio, hanno l’opportunità di incontrare molti pensionati e possono quindi contribuire ad aiutare i giocatori che intendano affrontare il loro problema.
Proprio questo è l’obiettivo centrale del protocollo sottoscritto con ATS.
Il progetto parte dalla consapevolezza che i problemi legati alle ludopatie sono delicati e, per essere trattati, richiedono capacità e competenze specifiche.
L’Ats si impegna a organizzare momenti formativi, con personale qualificato, rivolti agli operatori sindacali e a mettere a disposizione materiali informativi.
Le organizzazioni sindacali si occuperanno, essenzialmente, di divulgare corrette informazioni. Nelle sedi verrà esposto materiale informativo sui servizi territoriali di cura per il gioco d’azzardo patologico, saranno utilizzati tutti i canali di comunicazione a disposizione  e gli operatori del sindacato potranno partecipare a  giornate di formazione affinché, nel caso in cui incontrino persone dipendenti dal gioco che siano alla ricerca di una soluzione, sappiano come e dove indirizzarli per avviare un adeguato percorso di cura.

IL TESTO DELL’ACCORDO – CLICCA QUI

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.