Lodi: lo SPI e la CGIL contro l’incremento delle rette alla rsa Santa Chiara di Lodi

CONDIVIDI

Dal quotidiano Il Cittadino di Lodi:Il sindacato si schiera a gran voce contro l’aumento delle rette a Santa Chiara. Un’ipotesi ventilata nei giorni scorsi dall’assessore al bilancio del Comune di Lodi Angelo Sichel, subito contestata però dal vicesindaco Lorenzo Maggi, il quale ha escluso per il 2019 un ritocco delle tariffe della casa di riposo di via Paolo Gorini.Le dichiarazioni di Sichel, però, hanno provocato allarme, soprattutto tra le famiglie degli utenti. Così come hanno suscitato la netta contrarietà della Cgil e, in particolare, dello Spi, categoria che segue i pensionati.

«Sappiamo che Regione Lombardia non sta provvedendo alla partecipazione del 50 per cento della retta – spiega Vanna Minoia, segretario Spi Cgil -, ma ci sono degli incontri con l’assessore Gallera e il presidente Fontana per affrontare la questione».

Il segretario generale della Cgil, Franco Stasi, si unisce alle considerazioni dello Spi: «Faremo tutte le iniziative necessarie per fare pressione sull’amministrazione affinchè non aumenti le rette – dichiara Stasi -. Inizialmente abbiamo chiesto al Comune di non ridurre la spesa per il sociale, ora mi sembra che l’idea sia in contrasto con l’impostazione originaria».

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.