Monza-Brianza:Testimoni, giudici e spettatori. Il processo della Risiera di San Sabba

CONDIVIDI

Spi, Auser, Anpi, Aned di Monza e Brianza, si apprestano a celebrare, sia pure in ritardo, il “giorno del ricordo” allestendo la mostra <Testimoni, giudici e spettatori. Il processo della Risiera di San Sabba>.
L’inaugurazione lunedì 24 febbraio alle ore 17, presso la sala Fanzaga/Mezzanzanica della Camera del Lavoro di Monza, via Premuda 17, con la ricercatrice Rita Tironi, il presidente dell’Anpi Brianza Loris Maconi e l’assessore del Comune di Monza Rosario Montalbano.
Nell’aprile del 1976, a trent’anni di distanza dei fatti, si concludeva a Trieste il processo ai responsabili dei crimini commessi durante l’occupazione tedesca alla Risiera di San Sabba di Trieste, unico campo di sterminio in Italia. La Risiera, utilizzata dapprima come campo di prigionia per i militari italiani catturati dopo l’8 settembre 1943, venne poi destinata allo smistamento dei deportati in Germania e Polonia e alla detenzione e eliminazione di: ostaggi, partigiani, detenuti politici e ebrei. Il processo, che si concluse con la condanna all’ergastolo di uno dei carcerieri,  Joseph Oberhauser, che peraltro non ebbe seguito perché la Germania non concedeva l’estradizione per i crimini commessi prima del 1948, ebbe un’eco considerevole. Al processo, che si concluse con la condanna all’ergastolo di uno dei carcerieri,  intervennero storici di grande livello come: Enzo Collotti, Mario Pahor, Tone Ferenc.
La mostra rimarrà esposta negli ambienti Spi, della Camera del Lavoro di Monza fino al 3, marzo p.v.

VAI ALLA LOCANDINA DELLA INIZIATIVA

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!