Monza: il maltrattamento nelle relazioni di cura

CONDIVIDI

Lo Spi-Cgil di Monza e Brianza con questo convegno, ha voluto avviare una riflessione sulle crescenti difficoltà che si evidenziano nelle relazioni di cura domiciliari, tra i soggetti non autosufficienti e coloro che li assistono (famigliari o/e badanti). La messa a fuoco di tali criticità è funzionale alla definizione di proposte, progetti, iniziative atte a favorire l’ascolto, promuovere percorsi formativi, avviare attività di monitoraggio del fenomeno, in grado di sostenere l’attività dei caregiver.Il convegno, presieduto da Pietro Albergoni, è stato introdotto da una comunicazione di Mario Castiglioni e Marinella Cazzaniga. Giovanna Perucci, psicologa della Caritas Ambrosiana, ha illustrato i risultati di una ricerca condotta tra i caregiver, successivamente sono intervenuti: Cherubina Bertola, vice sindaco di Monza; Angelo Marsano, servizio anziani della Asl; Chiarella Gariboldi, presidente associazione Stefania; Clara Origlia e Laura Ravanelli, psicologhe ricercatrici sociali; Gian Mario Boschiroli, presidente Auser Brianza; Chiara Pozzi, assistente sociale comune di Monza; Lorella Brusa, segreteria Cgil Monza e Brianza; Stefano Buzzi, segretario Fnp Monza e Brianza; Paolo Pressato, segretario Uilp Monza e Brianza. A concluso i lavori Celina Cesari della segreteria nazionale dello Spi-Cgil

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!