Def: Cgil, i tagli alla sanità ci sono eccome

“Nel Def il governo conferma i tagli decisi d’intesa con le Regioni dopo la legge di stabilità: viene ridotto di 5 miliardi il Fondo sanitario previsto dal Patto per la Salute, e non solo per il 2015/2016, ma anche per gli anni seguenti. I tagli al settore ci sono eccome, e avranno ricadute pesanti per i cittadini e i lavoratori del comparto”. Così Vera Lamonica, segretaria confederale della Cgil, commenta gli interventi previsti dal Documento di Economia e Finanza varato dal Consiglio dei ministri venerdì scorso.

“La conferma – spiega Lamonica – arriva dalle previsioni sulla spesa sanitaria, per la quale non solo si stima una crescita inferiore a quella del Pil, ma si prefigura un calo dal 6,8% del 2015 al 6,5% dell’anno 2019”. Per la dirigente sindacale “invece di combattere sprechi e inefficienze si continuano a colpire i servizi e il personale, riducendo le risorse in un settore delicatissimo e decisivo per garantire il diritto alla salute e alle cure dei cittadini. Un settore in cui bisognerebbe investire, anche per produrre buona occupazione e crescita”.

“Per questo – conclude Lamonica – continua la campagna di mobilitazione promossa dalla Cgil ”Salviamo la Salute”, per ribadire che welfare e sanità non sono costi da tagliare, ma scelte strategiche per la ripresa economica e sociale del Paese”.

15/04/2015 13.44
Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!