Immigrati: Regione Lombardia nega bonus famiglia

Ancora un’altra sentenza riconosce il diritto di una immigrata a percepire il bonus famiglia 2017 che la Regione Lombardia le aveva negato. Il Tribunale di Bergamo, infatti, il 19 ottobre ha emesso un’ordinanza (n. 1083) che obbliga l’Ente a corrisponderle quanto richiesto ritenendo infondata l’obiezione secondo la quale D.S. si sarebbe trasferita per un breve periodo in un altro Comune facendo venir meno il requisito di residenza continuativa di 5 anni richiesto per il riconoscimento della prestazione.

Secondo il Tribunale di Bergamo, tale eccezione è infondata in quanto, si legge nella sentenza “il concetto di ‘residenza’….deve essere inteso…quale luogo in cui la persona ha la dimora abituale”, per cui i brevi trasferimenti in altri Comuni non pregiudicano il diritto a percepire il bonus famiglia. Da qui la decisione di accogliere la richiesta di D.S. nella sua interezza.

La causa, che è stata promossa dall’Inca Lombardia, “si aggiunge alle tante altre vinte – spiega Claudio Piccinini, coordinatore degli uffici Migrazioni e mobilità internazionale – con le quali il Patronato della Cgil sta caratterizzando il proprio impegno per l’affermazione dei diritti degli immigrati regolarmente presenti nel nostro paese, ai quali troppo spesso vengono negati i benefici di welfare sulla base di decisioni arbitrarie e discriminatorie che contribuiscono ad avvelenare il clima di convivenza civile nel nostro Paese”.              

 

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!