Previdenza, in pensione un italiano su quattro

Da Rassegna.it:”Un quarto degli italiani, più di 16 milioni, sono in pensione. Sono il 26,6 per cento dell’intera popolazione, precisamente una persona ogni 3,7. A dirlo è il quarto rapporto “Il bilancio del sistema previdenziale italiano. Andamenti finanziari e demografici delle pensioni e dell’assistenza per l’anno 2015”, realizzato da Itinerari Previdenziali. I pensionati sono 16.179.377 (in discesa dello 0,4 per cento rispetto al 2014): il 52,7 per cento sono donne destinatarie di oltre l’80 per cento delle pensioni di reversibilità (con importi pari a poco più della metà della pensione diretta).
La spesa per il welfare nel 2015, spiega la ricerca, è stata concentrata soprattutto sulla componente assistenziale: l’ammontare è 103 miliardi di euro, mentre 8.305.859 sono stati i beneficiari (il 51,3 per cento del totale, di cui il 60 per cento donne). La spesa per prestazioni sociali nel 2015 è ammontata a 447,396 miliardi di euro, incidendo per il 54,1 per cento sull’intera spesa statale (comprensiva degli interessi sul debito pubblico) e del 27,3 rispetto al Pil. Nell’ultimo quinquennio, infine, si sono registrate in continua crescita le pensioni di invalidità civile (ammontanti a 934.995), le indennità di accompagnamento (2.045.804), le pensioni e gli assegni sociali (857.003). In calo fisiologico, ovviamente, solo le pensioni di guerra (74.649 dirette e 128.175 indirette)”.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!