Bergamo : Appunti sui piani di zona della Provincia

CONDIVIDI

I documenti allegati rappresentano una parte, anzi un risultato, della elaborazione in tema di negoziazione sociale sviluppata a Bergamo.
Le schede di lettura sinottica dei Piani di zona, articolati in alcuni dei loro principali segmenti, sono state elaborate grazie alla collaborazione di più soggetti: SPI, CGIL, Ufficio segretariato sociale, Gruppo giovani, categorie che convergono nel Dipartimento welfare camerale.
Si tratta di una analisi sintetica e comparativa dell’andamento dei Piani di zona degli ultimi sei anni e della individuazione di alcuni obiettivi ed indicatori finalizzati alla definizione della piattaforma per il confronto con i 14 Ambiti in vista del rinnovo triennale dei Piani di zona.
La delibera dell’Asl sullo Sportello unico di welfare è, invece, l’epilogo, diciamo la formalizzazione, del progetto di mettere in rete tutti i livelli di informazione e di orientamento nel complesso mondo delle prestazioni sociali e socio sanitarie, tenuto conto di una modalità di presa in carico dei bisogni complessivi dell’utente.
In questo caso possiamo dire che si tratta dello sportello di segretariato sociale diffuso, però sponsorizzato e coordinato dal livello istituzionale dell’Azienda Sanitaria Locale in piena integrazione con il sistema degli Ambiti e quindi delle autonomie locali.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!