Bergamo: Case di riposo, incrementi delle rette superiori alla media regionale

CONDIVIDI

A Bergamo le rette delle RSA (residenze per anziani) non sono certamente tra le più alte della regione, dato che ci collochiamo al sesto posto per le tariffe minime più “convenienti”, dopo Sondrio, Brescia, Mantova, ecc.
Ciò nonostante preoccupa l’andamento della curva degli importi medi richiesti alle famiglie orobiche, pur sapendo che le differenze tra struttura e struttura: sono notevoli: dai 47,60 euro al giorno delle minime del 2010, si è passati a giugno del 2013 ad un valore di 51,66 euro (più 8,5%), mentre per le massime si è passati da 54,86 a 61,14 (più 11,4%).
Un dato decisamente più elevato rispetto allo stesso indicatore considerato a livello regionale: in Lombardia, infatti, per quanto riguarda il valore medio delle minime si passa da 52,57 euro del dicembre 2010 a 56,19 del giugno 2013 (più 6,9%) mentre per le massime da 61,18 euro a 65,03 (più 6,3%).
Insomma, pur rimanendo al di sotto della media regionale per quanto riguarda le cifre assolute, gli aumenti delle tariffe corrono più velocemente a Bergamo che altrove.
Tra l’altro, anche se non c’è necessariamente una correlazione tra i dati sopraindicati e quello fornito di seguito, Bergamo presenta un’altra peculiarità.
Pur essendo la provincia tra le più giovani della Lombardia – si pensi che l’incidenza degli ultrasettantacinquenni sulla popolazione era al dicembre 2011 dell’8,3%, contro la media regionale del 9,7% – Bergamo è quella che risente di meno della diminuzione dei ricoveri in RSA, almeno a stare ai dati ufficiali forniti dall’ASL, relativi alle liste di attesa per accedere alle strutture.
È vero che da più RSA. viene segnalata una maggiore difficoltà rispetto agli scorsi anni a ricoverare pazienti (prima di un ricovero bisogna scorrere a lungo le liste d’attesa), ma è altrettanto vero che i numeri ufficiali rappresentano una situazione anomala e in controtendenza rispetto a tutte le altre province.
Infatti, si passa da 5.781 domande (2.691 persone) del 30 giugno 2011 a 6.374 domande (3.263 persone) al 28 febbraio 2013, con un incremento del 21,26% delle persone che fanno domanda.
Le liste crescono invece di diminuire.
Ed anche il tasso di occupazione dei posti letto nelle case di riposo bergamasche è tra i più alti della regione.
Insomma, sembrerebbe da noi confermata l’analisi che con l’aumento della popolazione anziana vi sia sempre più bisogno di assistenza domiciliare ma anche di ricoveri (sempre più brevi ed in tarda età) in strutture adeguate.
Questo anche al netto del fatto che, sia per la perdita del posto di lavoro dovuta alle innumerevoli crisi aziendali che per la lievitazione delle tariffe, c’è molta più propensione oggi a seguire i propri anziani in famiglia e a casa.
E qui si apre un altro problema: mentre per le RSA. esiste un finanziamento, per quanto insufficiente, da parte del servizio pubblico, a casa l’onere dell’assistenza gli anziani non autosufficienti (più del doppio di quelli ricoverati in strutture), ricade quasi totalmente sulla famiglia.
È nostra intenzione, insieme alle altre organizzazioni sindacali, porre questi temi, quello del finanziamento per la non autosufficienza e della domiciliarità e del contenimento delle rette a tutti i livelli, a partire dalla Regione per arrivare al confronto negoziale nel territorio che dovrebbe ripartire subito dopo il periodo feriale.

Gianni Peracchi – segretario generale SPI CGIL di Bergamo

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!