Brescia. Seminario: crisi delle risorse negli enti locali

CONDIVIDI

La crisi delle risorse a disposizione degli enti locali: è di questo che si parlerà, giovedì 9 aprile, nel convegno promosso a Torbole Casaglia, da Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil.
Ne discuteranno, oltre ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali, i sindaci e gli amministratori comunali del Distretto sanitario n° 2 che comprende i Comuni: Berlingo, Castegnato, Castelmella, Cellatica, Gussago, Ome, Ospitaletto, Rodengo Saiano, Roncadelle, Torbole Casaglia e Travagliato.
Un’analisi che intende partire dall’osservazione di casi concreti, rilevando i problemi esistenti e  le soluzioni poste in essere da alcuni Comuni,  per sviluppare considerazioni che possono essere estese a più realtà territoriali.
Quello della crisi delle risorse è un fenomeno sempre più evidente, da cui discendono l’aumento della pressione fiscale e la contrazione della spesa. A determinarlo il contesto economico generale e i tagli ai trasferimenti statali attuati negli anni recenti.
Le conseguenze ricadono su aspetti essenziali della vita del cittadino: il diritto all’assistenza, i servizi alla persona, il sostegno al reddito solo per citarne alcuni.
Aspetti che, evidentemente, sono particolarmente significativi per pensionati ed anziani.
Pur consapevoli della difficile situazione della finanza locale, Spi, Fnp e Uilp chiedono da tempo alla politica, anche attraverso la negoziazione sociale, di intervenire affinché le difficoltà vengano affrontate tenendo conto di criteri di equità.
In particolare è prioritario continuare ad assicurare i servizi socio assistenziali e trovare nuove strategie per fare rete tra le istituzioni e le realtà presenti nei territori.
Tra le sollecitazioni che Spi, Fnp e Uilp intendono sottoporre agli amministratori, anche quella del recupero delle risorse dalla lotta all’evasione fiscale: tramite l’adesione ad un apposito protocollo con l’Agenzia delle entrate, i Comuni possono contribuire direttamente a contrastare il fenomeno evasione, particolarmente pervasivo nel nostro Paese, recuperare risorse e destinarle a fondamentali servizi per i cittadini.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!