Brescia:Firmato l’accordo tra sindacati pensionati e Comune di Brescia

CONDIVIDI

É stato firmato oggi, venerdì 30 gennaio, il Protocollo d’intesa tra l’Amministrazione del Comune di Brescia, rappresentata dall’Assessore ai servizi sociali Felice Scalvini, e i sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil che prevede interventi a tutela di anziani e fasce deboli della popolazione.
Fatto tutt’altro che scontato: erano anni che non si raggiungeva l’accordo e l’amministrazione precedente, per lungo tempo, aveva addirittura interrotto gli incontri con le organizzazioni sindacali.
Mentre, dunque, in gran parte della provincia si sottoscrivevano intese con i sindacati per fronteggiare i problemi sociali, una realtà importante come la città rimaneva esclusa da questa buona prassi.
Per il 2015, un cambio di rotta. Un lungo percorso di incontri, utile anche a redigere una relazione sulla condizione degli anziani in città (un’importante e inedita fotografia sulla realtà, necessaria per  progettare interventi efficaci) ha preceduto la sottoscrizione del Protocollo: occasioni nelle quali le organizzazioni sindacali hanno fatto presente le esigenze degli anziani e attraverso cui si è riconosciuto il ruolo di rappresentanza svolto da Spi, Fnp e Uilp. Gli anziani compongono una parte rilevante della cittadinanza: nel Comune capoluogo, che ha quasi 196.000 abitanti, la popolazione  dai 65 anni in poi, rappresenta quasi un quarto della totale e gli ultra 75enni sono il 12,7%. L’invecchiamento della popolazione è un fenomeno destinato a crescere: aumentano così la domanda di cura e la richiesta di servizi socio assistenziali di sostegno.
Nell’accordo, pur dovendo purtroppo tenere conto delle difficoltà economiche delle casse comunali, alcuni importanti risultati:
– l’impegno a non aumentare, per il 2015,  le imposte locali (Tasi, tassa rifiuti, addizionale Irpef), anzi a ridurle se miglioreranno le condizioni del quadro generale del bilancio, anche con risorse provenienti dalla lotta all’evasione fiscale e tributaria;
– l’invio a domicilio dei bollettini di pagamento, a tutti i pensionati, per evitare confusione e le odiose code presso gli sportelli comunali;
– la previsione di nuovi benefici per gli anziani su trasporti e mobilità (bus e metropolitana);
– l’entità della compartecipazione alle spese sanitarie-assistenziali di persone in situazioni di difficoltà economica sarà analizzata prima dell’applicazione della nuova Isee;
– infine, sarà istituito un Osservatorio volto a conoscere meglio le esigenze degli anziani residenti in città.
Per informazioni, rivolgersi alle sedi Spi.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!