Brescia:Luciano Lama, vent’anni dopo.Convegno e assegnazione del Premio Foppoli

CONDIVIDI

A vent’anni dalla morte di Luciano Lama, una delle figure che più profondamente hanno inciso nel sindacalismo italiano, lo Spi Cgil promuove un convegno per ricostruire e ragionare sul pensiero lasciato in eredità dal sindacalista, interrogarsi sui cambiamenti intervenuti dagli anni ’70 ad oggi ripercorrendo, a più voci, la storia della Cgil e del Paese. Appuntamento per mercoledì 14 dicembre, dalle 9.30, alla Camera di Commercio di Brescia, in via Einaudi 23.
Interverranno Bruno Ugolini, giornalista, storico e redattore del quotidiano l’Unità, Adolfo Pepe, docente universitario e direttore della Fondazione Giuseppe Di Vittorio e Ida Regalia, docente di Relazioni industriali comparate dell’Università degli Studi di Milano.
Conoscitori profondi della storia sindacale e attenti osservatori delle dinamiche sociali e del mondo del lavoro nell’attualità, forniranno spunti di riflessione, da più prospettive, sul contesto socio politico.
L’iniziativa è promossa con il contributo dell’Archivio Storico della Camera del lavoro di Brescia.
È previsto un approfondimento, curato da Lorena Pasquini, responsabile dell’archivio, sulla presenza di Luciano Lama a Brescia.
I lavori verranno introdotti da Pierluigi Cetti, segretario generale Spi Cgil Brescia, porterà il saluto il segretario della Camera del lavoro Damiano Galletti e conclusi da Stefano Landini, segretario generale Spi Cgil Lombardia.
Al termine del convegno, ci sarà l’attribuzione del Premio Giovanni Foppoli 2016 per  l’impegno sociale e sindacale. Intitolato allo storico segretario della Camera del lavoro di Brescia, il premio rappresenta un appuntamento particolarmente sentito nella vita dell’organizzazione nel quale si riconoscono la generosità e la passione di persone che, da anni, portano un contributo importante a favore dei lavoratori e dei pensionati.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!