Cremona: 10 novembre iniziative del coordinamento donne dello Spi

CONDIVIDI

Il 10 novembre scorso alla camera del lavoro di Cremona il coordinamento provinciale delle donne Spi ha organizzato, nell’ambito delle iniziative legate al 25 novembre, un pomeriggio di riflessione collettiva sul tema della violenza di genere che ogni anno riempie con un angoscioso e numeroso elenco il “carnet” delle donne vittime di femminicidio o comunque di violenze fisiche e psicologiche da parte di mariti, compagni, padri, fratelli, e solo raramente di estranei.Daniela Chiodelli ha aperto i lavori con un breve intervento a nome del coordinamento.Successivamente a condurre il filo della riflessione sulla violenza, sulla sua origine e sugli stereotipi che la riproducono e la perpetuano è stata Monica Lanfranco, giornalista, formatrice, femminista, autrice di libri importanti sulle tematiche dei rapporti uomo-donna.I tempi dei lavori sono stati scanditi da interventi musicali di Giulia Barbieri, giovane artista multimediale.E’ stato un incontro partecipato e interessante che finalmente ha visto accanto alle numerose donne convenute anche una folta presenza di uomini, il che dà il segno che il problema, essendo nelle sue varie manifestazioni, dallo svilimento del corpoalla limitazione dell’individualità , dallo stupro all’uccisione, dallo sfregio alla mutilazione alle mille sfaccettature della vita familiare e delle relazioni affettive, fenomeno sociale diffuso e quindi in capo alla collettività, non solo si pone come problema di tutti ma comincia ad essere visto nella sua giusta specifica dimensione sessuale e sessuata.

Eli Lazzari

 

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!