Cremona: continua l’esperienza collaborativa fra il sindacato dei Pensionati della CGIL Cremonese e l’Istituto L. Enaudi di Cremona

CONDIVIDI

Dopo le esperienze effettuate negli anni scorsi, quest’anno gli studenti di due classi quinte, 5AS e 5BS hanno potuto, dopo gli approfondimenti tenuti all’interno delle classi dell’istituto ad indirizzo socio sanitario con la collaborazione degli esperti sindacali che si occupano di Socio sanitario e sanità Monica Vangi della cgil e Palmiro Crotti dell SPI-CGIL e ovviamente l’intervento didattico dei docenti Donata Ardigo, Bertoletti Elisabetta,Gerevini Sonia, Dizioli Marina toccare con mano ciò che la riforma sanitaria di Regione Lombardia ( L.R.23/15) ha generato sul territorio.
Grazie alla disponibilità della cooperativa sociale CSA e della direttrice Dott. Alessia Sarzi le due classi sono state ospitate dal Presidio Ospedaliero Territoriale Nuovo ROBBIANI di Soresina per vedere come questa struttura unica per il momento nella nostra Regione stia affrontando uno degli argomenti sul quale la riforma regionale più intensamente sta operando, quello della cronicità. Ovvero come gestire curare e prevenire le patologie legate ai pazienti cronici, fascia di cittadini in continua espansione numerica anche per il fenomeno demografico dell’allungamento della vita delle persone.
Il progetto condiviso dalla preside dell’istituto prof. Ferrari Nicoletta si colloca nelle attività progettuali del sindacato che vede nelle giovani generazioni uno strumento di crescita professionale e collettiva per una società futura migliore che usi anche lo scambio intergenerazionale e le esperienze dirette per effettuare scelte lavorative future consapevoli.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!