Monza-Brianza.Lissone, incontro pubblico su: “Cura familiare dell’anziano fragile”

CONDIVIDI

Un incontro di natura tecnica quello che si è svolto a Lissone, Sabato 29 Novembre,   promosso dalla locale lega dello  SPI CGIL, dove i relatori( C. Borghetti Consigliere Regionale – III commissione Sanità Regione Lombardia; E. Cattaneo dei Servizi Comunali di Biassono e referente Tavolo Anziani del distretto di Carate B.za; C. Gariboldi Fondazione Stefania di Lissone e Coord. Progetto “Fianco a Fianco”; G.M. Boschiroli Presidente AUSER provincia MB) hanno risposto a delle specifiche domande sulle questioni legate al tema del seminario. Ne è emerso un quadro generale di criticità per l’insufficienza delle risorse economiche  dedicate e  per la carenza di servizi preposti alla cura e all’assistenza dell’anziano fragile. Un dato preoccupante emerso nella discussione è rappresentato dalle risorse  che la Regione Lombardia dedica al settore socio sanitario,solo il 10% del totale di 18 miliardi della spesa sanitaria, risorse  che non sono in grado di coprire le necessità  presenti sul  territorio. In questo contesto le risorse e le competenze messe in campo dalle associazioni di volontariato,ampiamente diffuse nel nostro territorio, compensano i ritardi delle istituzioni. Per il futuro si auspica una riforma del sistema socio sanitario Lombardo, diviene indispensabile trovare quelle sinergie e quella rete integrata di servizi che possano rispondere ai gravi bisogni presenti nelle fasce fragili della popolazione, soprattutto quella anziana.
Cosetta Lissoni lega Spi-Lissone

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!