PAVIA:AMBULATORI APERTI DI SERA,SABATO E DOMENICA

CONDIVIDI

 Da tempo lo Spi Cgil sui tempi d’attesa chiede un intervento radicale per ridurli e per rispondere in maniera adeguata alle esigenze sanitarie delle persone più fragili come anziani,pensionati,donne e di tutti i cittadini.L’operazione ambulatori aperti seppur in via sperimentale infatti terminerà il 31 luglio 2014 prevede l’apertura in 14 strutture sanitarie lombarde dal lunedi al venerdì fino alle 22,il sabato fino alle 15,e la domenica mattina.Negli ospedali di Vigevano,Voghera,Mortara,Stradella dell’Azienda Ospedaliera si possono fare fino alle 22 due giorni alla settimana,fino alle 20 tutti gli altri giorni,fino alle 15 di sabato e domenica mattina.Il servizio di prenotazione è operativo tramite il Cup (centro unico di prenotazione) e call-center regionale.Si possono prenotare le seguenti prestazioni.Ospedale di Vigevano:ecolordopler cardiaca,visite fisiatriche,visite oculistiche,ortopediche e visite endocrinologiche-diabetologiche.All’Ospedale di Voghera:Visita cardiologica,eletrocardiogramma,ecocolordopplercardiaca,ecocolordoppler tsa,ecocolordoppler vascolari,endoscopie,digestive,visite ortopediche,endocronologia.Ospedale di Mortara:ecografie vascolari e addominali.Ospedale di Stradella:Ecografie addominali,visite gastroenterologiche ed endocronologiche e endocronologichea-diabetologiche.Nei primi 20 giorni di avvio sono già arrivate 1530 prenotazioni nelle otto strutture dell’azienda ospedaliera coinvolte nella sperimentazione e sono già 525 le visite fatte.Nonostante alcuni problemi legati al personale (es il poliambulatorio di Pavia si stà facendo prestare il personale da Voghera e Vigevano) e al taglio operato per domeniche , a Voghera sono giunte 667 richieste a Vigevano 273 a Pavia 165,a Stradella 121 e poi seguono gli altri.I tempi d’attesa dovrebbero essere non superiori alla settimana.Se consideriamo che queste richieste sono avvenute in pochi giorni si capisce la necessità di trasformare la via sperimentale in via definitiva che ci sembra essere anche ben accolta soprattutto dai lavoratori/i che possono usufruire di questi servizi fuori dall’orario di lavoro e dalle urgenze che possono coinvolgere tutti i cittadini che non possono aspettare tempi lunghi per le cure.Ora lo Spi Cgil avendo fatto da tempo proposte concrete su questo tema vede seppur con difficoltà avviare i primi passi per trasformazioni necessarie.E’ impegnato in tutte le sedi affichè anche la futura riforma sanitaria in Lombardia risponda alle necessità dei cittadini.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, d.lgs. n. 196/2003
I dati personali raccolti sono trattati, con strumenti manuali e informatici, esclusivamente per finalità amministrative conseguenti al versamento di contributi a sostegno dell’associazione, per l’invio della pubblicazione periodica e per la promozione e la diffusione di iniziative dell’associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo; il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento dei medesimi non consentirà di effettuare le operazioni sopra indicate. I dati personali raccolti potranno essere conosciuti solo da personale specificamente incaricato delle operazioni di trattamento e potranno essere comunicati agli istituti bancari che effettueranno il trattamento dei dati per le finalità relative alla gestione dei mezzi di pagamento e a terzi ai quali sono affidati la predisposizione e l’invio della pubblicazione periodica. I dati trattati non saranno diffusi.
error: Content is protected !!